VOLUNTEERING INITIATIVE FOR A SUSTAINABLE PO

VOLUNTEERING INITIATIVE FOR A SUSTAINABLE PO
#BeVisPO, diventa volontario!

martedì 22 maggio 2018

#CheckYourHeating: COME RENDERE EFFICIENTE IL RISCALDAMENTO DOMESTICO

Dal sito di Legambiente

#CheckYourHeating, campagna di informazione sull’efficienza energetica dei sistemi di riscaldamento


Rendere confortevoli in inverno le nostre abitazioni, risparmiare sulle bollette e rispettare l'ambiente. Un obiettivo realizzabile se facciamo le scelte giuste
Dal 26 settembre 2015, i dispositivi per il riscaldamento e l’acqua calda venduti nei Paesi dell’Unione Europea devono essere dotati per legge di Etichetta Energetica. L'etichetta fornisce informazioni sull’efficienza energetica degli apparecchi di riscaldamento attraverso una scala di valori dalla "G" a "A+++". . Solo i dispositivi o i sistemi ad alta efficienza che incorporano energie rinnovabili possono produrre "A+" o superiore. Si tratta di uno strumento importante attraverso cui l’Europa potrà ridurre consumi energetici e inquinamento. Ma l'etichetta energetica per il riscaldamento è ancora poco conosciuta e quindi difficilmente presa in considerazione al momento dell’aquisto di un nuovo impianto.
L'etichetta di efficienza energetica europea degli apparecchi e degli insiemi di riscaldamento ambiente e acqua calda sanitaria aiuta il consumatore ad identificare un dispositivo efficiente ed ecologico, a risparmiare denaro e a mitigare il proprio impatto sull'ambiente con benefici per tutta la comunità.LEGGI TUTTO

lunedì 21 maggio 2018

WEEKEND DELLA MOBILITA' DOLCE: LE INIZIATIVE IN TUTTA ITALIA

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'invito di Anna Donati a una delle tante iniziative che si svolgeranno nel prossimo weekend 26-27 maggio in tutta Italia:
Cari amici ed amiche,
il 26 e 27 maggio l'Alleanza per la Mobilità Dolce promuove la Giornata delle Ferrovie delle Meraviglie, con eventi su treni turistici, escursioni a piedi ed in bicicletta legate a vecchi tracciati ferroviari.
L'evento di punta si terrà in Irpinia "Venga la Ferrovia..." dove riapre la ferrovia turistica Avellino Rocchetta S.Antonio il 26 e 27 maggio, e dove per due settimane ci saranno tanti eventi sul territorio e intorno al treno, in collaborazione con il Mibact, Fondazione FS, la regione Campania e l'associazione InLoCoMotivi e tante altre presenti in Irpinia.
http://mobilitadolce.net/venga-la-ferrovia-programma-tutti-gli-eventi-irpinia-la-giornata-delle-ferrovie-delle-meraviglie/

Per il 25 maggio abbiamo promosso un convegno ad Avellino su "Ferrovie Turistiche e mobilità molce e rigenerazione territoriale" per ragionare di turismo, di tutela e comunità locali.
http://mobilitadolce.net/convegno-ad-avellino-ferrovie-turisitche-mobilita-dolce-partecipa-anche-amodo/

Vi segnalo che per il mese di maggio proseguono tanti eventi della Rete dei Cammini nel decennale dei Cammini Francigeni con tanti percorsi e passeggiate
http://mobilitadolce.net/presentazione-della-x-giornata-nazionale-dei-cammini-francigeni/

Dal 23 maggio parte il CamminaNatura, terza edizione delle Giornate Nazionali Guide Escursionistiche, in collaborazione con Legambiente, con centinaia di escursioni guidate gratuite fino al 3 giugno. http://mobilitadolce.net/23-maggio-parte-camminanatura-terza-edizione-delle-giornate-nazionale-delle-guide-ambientali-escursionistiche/
Ma guardate sul sito e troverete tanti altri eventi, escursioni, mostre, convegni, materiali e notizie interessanti sulla mobilità dolce delle 22 associazioni promotrici, e delle 10 aderenti alla Alleanza Mobilità Dolce.
Ed anche di tante associazioni e realtà locali che organizzano iniziative creative nei territori italiani.
Buona scoperta e buona lettura!
Anna Donati
          Portavoce Alleanza Mobilità Dolce
          

domenica 20 maggio 2018

QUI SUL NOSTRO FIUME-GIORNATA DI CULTURA AMBIENTALE- CABELLA LIGURE, DOMENICA 27 MAGGIO 2018, ORE 10.00



CAPITOZZATURE: IL DIFFICILE RAPPORTO TRA LA SOCIETA' ATTUALE E GLI ALBERI

Loc.Cabannina - Ronco S.

Carrosio


Dal sito della Scuola Agraria di Monza


Articolo del 01/10/2015 12:12:42 di Giuli Giulio

Si è sempre fatto così!
Riflessioni sul problematico rapporto tra uomo e albero.


La diffusa predisposizione a trasformare in umano tutto quello che umano non è, alberi compresi, è stata e continua a essere una delle principali fonti di danno per gli alberi. Cercare similitudini con l’essere umano può funzionare con le stagioni, ma non serve se si parla di alberi.
Carie del legno “curate” come dal dentista, cavità drenate, riempite, sigillate, tagli a filo del tronco, pomate cicatrizzanti, flebo e iniezioni, per citarne alcune, sono tutte pratiche nate e giustificate da questo tipo di approccio.


Dimostrare la reale diversità che esiste tra noi e gli alberi smontando questo falso buon senso dovrebbe essere cosa relativamente semplice: eppure circa venti anni sono trascorsi dalla pubblicazione dei primi lavori del compianto Alex Shigo, alla pressoché universale accettazione delle sue teorie riguardanti l’albero. Diversi ricercatori hanno poi indagato sui modelli di sviluppo delle varie specie, sulle caratteristiche meccaniche del legno dell’intera pianta, sulle reazioni alla potatura e altro ancora. Per chi vuole ascoltare, sono ormai disponibili numerose informazioni necessarie a comprendere il funzionamento dell’albero e a guidarne la corretta gestione.


Esiste però un’altra importante causa di maltrattamenti e pratiche dannose, su cui è forse ancora più difficile lavorare: la comprensione dei tempi dell’uomo e di quelli dell’albero.


Esistono enormi differenze tra la scala temporale in cui si svolgono le nostre brevi vite e i lunghi e lenti tempi di sviluppo degli alberi.


Inoltre l’uomo ha la memoria corta.


Non è facile convincere il proprietario dell’amata grande quercia che tra le cause del disseccamento ci sono proprio gli scavi fatti quando 8/10 anni prima decise di ingrandire il garage e di fare la piscina. Risulta ancora più difficile spiegargli che la reazione apparentemente positiva alla mutilazione della chioma fatta poi eseguire era solo illusoria e che invece proprio questo secondo intervento sconsiderato ha rappresentato per l’albero il colpo di grazia. LEGGI TUTTO

CAPITOZZATURE: QUANTO MALE AI NOSTRI ALBERI!

Follow by Email