mercoledì 30 dicembre 2015

ANALISI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO NELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA



Cambiamenti climatici: un piccolo assaggio alessandrino

Tutte le stazioni della provincia mostrano un aumento costante della temperatura media con oscillazioni più o meno marcate. L'aumento della temperatura dal 1995 al 2015 è stato maggiore nelle stazioni di pianura quasi 1°C (che è moltissimo!)
OPINIONI - Questo dicembre che si avvia alla conclusione a scala locale è stato molto più caldo della norma cosi come il passato novembre, a scala globale il 2015 rischia di essere il più caldo degli ultimi secoli anche a causa di forte el niño il riscaldamento ciclico della acque del pacifico.  La conferenza sul clima Cop 21 di Parigi conclusa da poche settimane ha raggiunto un primo accordo sulla riduzione dei gas serra e cercare di limitare il riscaldamento globale.

L'accordo anche se è stato un buon risultato diplomatico però non è sufficiente e difficilmente gli impegni sottoscritti verranno rispettati e se nel prossimo futuro non ci saranno revisioni o impegni volontari l'aumento di temperatura sarà superiore ai 2 gradi posti come limite con conseguenze non certo positive (Nimbus, Le Scienze).

Il cambiamento climatico tuttavia è gia in atto da alcuni anni l'anidride carbonica, il metano ed altri gas serra di origine antropica sono in aumento da almeno un secolo e questo anno raggiunto la concentrazione di 400 ppm (parti per milione). L'aumento di gas serra e temperatura in atto ha una velocità che non si è mai verificata nella storia della Terra. Nel passato ci sono stati periodi molto più caldi di oggi ma le variazioni avvenivano in tempi molto lunghi di migliaia o decine di migliaia di anni. Oggi il ritmo rischia essere quello di poche decine di anni o secoli che sono un niente.

I dati di temperatura globale confermano un costante aumento della temperatura con oscillazioni e di diversa entità a seconda delle varie zone del pianeta. Il riscaldamento poi a partire dagli anni'80 ha subito un'ulteriore accelerazione.

Anche a scala locale chiunque di noi può verificare come sia variata la temperatura negli ultimi 25 anni un intervallo breve ma significativo per capire come sono le tendenze attuali. I dati della banca dati meteoreologici della Regione Piemonte sono disponibili dal 1988.

Prendiamo 4 stazioni della Provincia di Alessandria poste distante ed in posizioni topografiche differenti. Alessandria e Casale Monferrato in pianura, Pozone Bric Berton in alta collina (760 m) e Capanne di Cosola la stazione a quota più alta della provincia di Alessandria a quota 1550 m.

Si sono analizzate le temperature medie in intervallo di 5 anni e per la stazione di Alessandria anche le piogge accumulate in un intervallo di 5 anni.

Cosa si vede dalle analisi
Tutte le stazioni della provincia mostrano un aumento costante della temperatura media con oscillazioni più o meno marcate. L'aumento della temperatura dal 1995 al 2015 è stato maggiore nelle stazioni di pianura, quasi 1°C (che è moltissimo!) mentre decresce con la quota fino al 0.5° C a Capanne di Cosola (in linea con le osservazioni a scala globale per questa fascia di latitudine). E' interessante notare come per le stazioni in quota le oscillazioni siano state più marcate. L'aumento maggiore nelle stazioni di bassa quota potrebbe forse essere legato ad una diminuzione delle nebbie invernali o cambi di uso del suolo (maggiore urbanizzazione). Le oscillazioni di temperatura delle stazioni in quota sembrano legate ai cicli secco-umido su scala regionale.

Le piogge per la stazione di Alessandria invece non seguono alcun trend particolare e pare che le oscillazioni siano legate a cicli secchi-umidi su scala decennale.

Le temperature medie di ciascun sito sono ovviamente legate alla quota, se mettiamo in un grafico la correzione fra la temperature medie e la quota delle 4 stazioni per il 1995 ed il 2015 possiamo fare alcune osservazioni interessanti:

Per trovare la stessa temperatura media del 1995 oggi bisogna salire di circa 100 m e con le previsioni di aumento di temperatura prevista nel futuro occorrerà salire sempre di più.
Quali saranno alcuni degli effetti pratici nelle nostre zone: coltivazioni e fasce di vegetazione varieranno di conseguenza molte stazioni sciistiche di bassa quota dovranno chiudere o convertirsi (la nostra Caldirola ne sa qualcosa..), i periodi di siccità saranno più marcati con tutte le conseguenze del caso su agricoltura e risorse idriche infine eventi estremi di pioggia come quello dell'anno passato a Gavi saranno probabilmente più frequenti ed intensi.

Dai dati si può osservare come che il cambiamenti climatico in atto anche tangibile da noi e che dovremmo fare i conti. Questi cambiamenti ormai sono pressoché certi solo come umanità possiamo determinare la loro entità impegnandosi saranno gestibili non facendo niente si rischia il collasso... Ma questo è un tema per un'altra discussione.

  


Anomalia di 

    temperatura media a scala globale per l'emisfero nord, 0 = anno 1995 (Fonte dati Nasa)




Temperatura media su intervallo quinquennale per le stazioni di Ponzone Bric Berton e Capanne di Cosola

 
 
  Temperatura media su intervallo quinquennale per le stazioni di Alessandria e Casale Monferrato e precipitazioni accumulate in 5 anni per la stazione di Alessandria


Correlazione quota temperatura media per 4 stazioni meteorologiche della provincia di Alessandria
28/12/2015
 http://www.alessandrianews.it/provincia/cambiamenti-climatico-piccolo-assaggio-alessandrino-123382.html 

Follow by Email