venerdì 3 febbraio 2017

PROTEZIONE DELL'AMBIENTE ALPINO:CIPRA CHIEDE IL DIVIETO DEL VOLO A MOTORE IN ZONE DI MONTAGNA

Voli in elicottero in zone montane CIPRA Italia chiede il divieto generalizzato per i voli a fini ludici


CIPRA Italia da anni denuncia come l’Italia sia l’unico paese alpino sprovvisto di normativa in materia di voli a motore in zone di montagna.

CIPRA Italia da anni denuncia come l’Italia sia l’unico paese alpino sprovvisto di normativa in materia di voli a motore in zone di montagna. CIPRA Italia ricorda i problemi causati dal sorvolo a bassa quota, da quelli ambientali causati dal rumore, al rischio di provocare il distacco di valanghe, al disturbo arrecato ad altre pratiche sportive, in particolare lo scialpinismo, o in generale ad altre forme di fruizione silenziose della montagna, negli ultimi anni in crescita. Per il trasporto in alta quota di poche persone intere valli sono costrette a subire per ore il rumore di un elicottero. Per la fauna selvatica, specie nel periodo invernale, il rumore dell’elicottero può essere fatale o provocare l’abbandono dei quartieri di svernamento verso aree meno appropriate. CIPRA Italia apprezza il fatto che il Ministero dei Trasporti, rispondendo ad una interrogazione degli Onorevoli Borghi e Realacci, abbia comunicato l’intenzione di affrontare il problema dell’eliski e del sorvolo a bassa quota con velivoli a motore in zone di montagna CIPRA Italia auspica che l’impegno del Ministero dei Trasporti e del Governo porti ad un chiaro sistema regolatorio dove sia consentito e normato l’utilizzo dei velivoli destinati a voli di soccorso, servizio, protezione civile, etc., ma dove venga vietato l’utilizzo ludico dell’elicottero (eliski ed eliturismo in primis), così come previsto a suo
tempo nel disegno di legge che arrivò ad un passo dall’approvazione del Parlamento, in larga parte condiviso da tutte le associazioni e dall’ENAC, e dal quale invita il Governo a ripartire. 
CIPRA Italia, diversamente da quanto è stato erroneamente riportato da alcuni organi di stampa, non propone una regolamentazione dell’eliski, ma un divieto generalizzato per i voli a motore a fini ludici. Una regolamentazione, come ad esempio quella recentemente adottata in Valle d’Aosta, che apre le porte a un numero crescente di comprensori sovra comunali dove il volo è consentito, non risolverebbe il problema, ma andrebbe a legittimare una pratica ritenuta dannosa e pericolosa per la montagna.
30 Gennaio 2017
Il Consiglio Direttivo di CIPRA Italia

Approfondimenti:

Follow by Email