Translate

giovedì 24 novembre 2016

I RICORSI PRESENTATI DALLE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE NON DEVONO PAGARE IL CONTRIBUTO UNIFICATO


Buone notizie per le associazioni ambientaliste che agiscono in giudizio!

La Repubblica 1 novembre 2016

"Gratis i costi di giustizia per gli ambientalisti" I Vas vincono la causa

Una sentenza fissa un precedente importante per le associazioni che difendono il territorio


Le associazioni ambientaliste non devono pagare i costi di accesso alla giustizia.

E' una sentenza che segna un punto e un importantissimo precedente a favore delle onlus ambientaliste quella con cui la Commissione Tributaria regionale della Liguria ha accolto il ricorso dell'associazione Vas (Verdi, Ambiente Società) annullando una disposizione della segreteria del Tar che obbligava il Vas a pagare il cosiddetto contributo unificato relativo all'instaurazione di una causa davanti allo stesso Tribunale amministrativo regionale.

I giudici tributari regionali hanno accolto il ricorso del Vas presentato dall'avvocato Daniele Granara ribaltando così la sentenza di primo grado della Commissione Tributaria Provinciale che era invece favorevole all'obbligo di pagamento.

La sentenza si basa sul rispetto della Convenzione di Aarhus (firmata nella cittadina di Aarhus, in Danimarca, nel 1998) "ratificata – spiegano i giudici - dalla Repubblica Italiana con la legge 108 del 2001, impegna gli stati membri a prevedere l'adeguato riconoscimento e sostegno delle organizzazioni che promuovono la tutela dell'ambiente e a provvedere affinché l'ordinamento si conformi a tale obbligo, specie in materia di accesso alla giustizia, negare l'esenzione dal pagamento del contributo unificato per atti quali i ricorsi giurisdizionali finalizzati alla difesa di interessi collettivi diffusi in materia ambientale, porterebbe ad un evidente contrasto tra il diritto interno e le norme europee di pari rango, in quanto recepite nella legislazione nazionale, le quali mettono chiaramente in evidenza che il costo dei procedimenti giurisdizionali sopra indicati debba essere gratuito o non eccessivamente oneroso".

Negli ultimi anni proprio questi costi sono aumentati e in passato l'ex presidente del Tar Liguria Santo Balba aveva spiegato come tale scelta scoraggiasse di fatto molti cittadini impossibilitati a versare alcune migliaia di euro solo per avviare la causa.

Nel caso in questione i Vas avevano impugnato davanti al Tar una deliberazione della Regione del 2014 che riguardava il "Progetto di coltivazione congiunta e recupero ambientale delle cave Gneo, Giunchetto e Vecchie Fornaci".

Poiché il contributo unificato muta a seconda del valore della causa, per il business in ballo i questa vicenda i Vas avrebbero dovuto sborsare seimila euro in partenza.

E' evidente che proprio tali costi siano un fortissimo deterrente per molte associazioni che si battono sul territorio per la difesa dell'ambiente e del paesaggio. La sentenza della Commissione Tributaria fissa un precedente importante che faciliterà l'azione delle associazioni di difesa del territorio.


(marco preve)