domenica 1 maggio 2016

BUON PRIMO MAGGIO

Dalla pagina facebook de il manifesto



Lavoro

Verso lo sciopero nei cantieri del Terzo Valico

I sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato lo stato di agitazione per i lavoratori nei cantieri del Terzo Valico dei Giovi. Si va verso lo sciopero. Tra le motivazioni: le condizioni di sicurezza e l'ambiente di lavoro. I segretari: "Abbiamo chiesto un incontro con il commissario, che ha incontrato tutti, tranne chi rappresenta i lavoratori"
LAVORO - Sono in stato di agitazione i lavoratori nei cantieri del Terzo Valico della provincia, proclamato dai segretari generali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Tiziana Del Bello, Pier Luigi Lupo e Massimo Cogliandro.
Lunedì le maestranze si riuniranno in assemblea per "decidere le azioni di lotta" e non è escluso uno sciopero.

Le ragioni di questa nuova iniziativa, "sono tante e sono gravi", sottolineano i tre sindacalisti.

La sicurezza e una delle principali note dolenti, ed è il tema su cui maggiormente puntano il dito i sindacalisti.
"Spesso orari di lavoro sono disumani, approfittando che in tanti hanno ancora il contratto a termine.
Ed in galleria troppe volte vengono fatte lavorazioni non nel rispetto di quanto previsto dalle normative vigenti sulla sicurezza – infatti, continuano Del Bello, Lupo e Cogliandro – sono già state fatte le segnalazioni del caso allo Spresal".

Grosse preoccupazioni anche rispetto all’ambiente di lavoro: ancora oggi il cantiere di Arquata Scrivia, per esempio, "è sprovvisto di acqua potabile e spogliatoi per i lavoratori, invece, nel campo base di Pian dei Grilli, quando piove, viene giù dai rubinetti acqua di colore nero".

Follow by Email