Translate

giovedì 11 febbraio 2016

#REFERENDUM SULLE #TRIVELLAZIONI FISSATO AL 17 APRILE: NEGATO L'ELECTION DAY

Trivelle, Legambiente su decreto governo per referendum 17 aprile. “Ci appelliamo a Mattarella per l'election day"

"Evitiamo un incredibile sperpero di 360 milioni di euro e il rischio che si voti due volte sulle trivelle quest'anno"

“La decisione del governo di fissare il referendum sulle trivellazioni in mare tra due mesi, e di non accogliere la richiesta di accorpare il referendum prossime alle elezioni amministrative, è l’ulteriore dimostrazione che questa consultazione disturba. Evidentemente l’esecutivo teme che gli italiani ne valutino fino in fondo la portata e si dimostra riluttante ad affrontare seriamente e democraticamente la questione energetica”.

Così Rossella Muroni, presidente di Legambiente, sul decreto per l'indizione del referendum popolare sulle trivelle in mare approvato la notte scorsa dal consiglio dei ministri che fissa la consultazione il 17 aprile.

 “Abbiamo chiesto un election day per motivi che riteniamo fondamentali. Si tratta di facilitare la partecipazione al voto dei cittadini, dare loro il tempo di informarsi e valutare il quesito, far risparmiare allo Stato oltre 300 milioni di euro di spesa che due date separate per le votazioni comportano. Non solo: va ricordato che, sulle trivelle, dinanzi alla Corte costituzionale pendono ancora due conflitti di attribuzione, la cui ammissibilità verrà decisa a breve. Qualora il giudizio della Corte dovesse essere positivo, il referendum potrebbe svolgersi su tre quesiti e non solo su uno. Questo elemento però il Governo non lo ha proprio considerato e adesso si rischia anche il paradosso che gli italiani, dopo il 17 aprile, potrebbero essere nuovamente chiamati a votare, sullo stesso tema, in una terza data, con ulteriore spreco di risorse.

Per questo ribadiamo la necessità di stabilire un election day in data congrua e ci appelliamo al presidente della Repubblica affinché non firmi il decreto, uscito dal Consiglio dei ministri di ieri sera, che stabilisce la data del 17 aprile. 

L’ufficio stampa Legambiente 06 86268399 - 76 - 53
 
Temi:

Fonti Fossili 

Territorio

Pubblicato il11 febbraio 2016

Altri contenuti per:

Fonti Fossili, Territorio

Articoli

Angelo Vassallo, diamo seguito ai sogni del sindaco pescatore

Trivellazioni: mare in pericolo

Stop trivelle, One Adriatic lancia un appello all'Europa per fermare le trivellazioni in Adriatico

4 dicembre, Ecosistema Urbano. Il territorio, gestione, tutela e opportunità

#Menoinquinomenopago, Legambiente e Radicali Italiani presentano una proposta

DAL SITO DEL WWF

Trivelle, referendum: il Governo nega election day

Notizie pubblicate su 11 February 2016  
|  
Il Consiglio dei ministri ha deciso: il referendum sullo stop alle trivelle si terrà il 17 aprile.Dunque niente accorpamento con le elezioni amministrative, come si era chiesto da più parti. Questo il commento del WWF: “Il Governo ha evidentemente così tanta paura di quello che pensano i cittadini italiani che, pur di far mancare il quorum fissato per il referendum, è disposto a buttare via 300 milioni di euro – ha detto Dante Caserta, Vicepresidente del WWF Italia - . Il mancato accorpamento del referendum “no triv” con le elezioni amministrative è una scelta insostenibile sia dal punto della tutela ambientale, che da quello dei conti dello Stato. LEGGI TUTTO

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2016/02/11/per-le-trivelle-fissato-il-referendum-sara-il-17-aprile-_201843b6-14d5-48be-b9bf-adddc94b5ce8.html